Loading...
ITALIAN LEISURE WAY

Itinerario Soul

Siti romani, Chiese, eremi, ville storiche , castelli …  luoghi dell’anima , genius loci del lago, per conoscerne le origini ed entrare in contatto con cio che scorre attraverso il tempo.  Ci muoveremo dalla costa bresciana del lago a quella veneta, senza dimenticare l’entroterra..

Partiamo  da Tignale nell’alto lago scendendo  verso Sirmione e poi risalendo verso Malcesine. Ogni giorno descriviamo 2 luoghi da non perdere , ma anche tutti gli altri sono assolutamente da vedere

 

Giorno 1

Santuario di Monte Castello (Tignale)

Il Santuario di Montecastello di Tignale sorge su uno spuntone di roccia calcarea a picco sul Lago. Sorto sui ruderi di un antico tempio, poi trasformato in castello, custodisce la "Casa Santa", un tempietto presumibilmente risalente all' 800 d.C. Nel ricco e affrescato interno (affreschi di scuola Giottesca ), è custodito, tra i numerosi, l’ex voto più grande d'Europa, risalente agli inizi del 1600. La sua posizione offre al visitatore panorami unici e spettacolari: dalle alte cime del Monte Baldo alla penisola di Sirmione. Recentemente restaurato, è uno dei luoghi sacri più frequentati e noti del Garda data la sua bellezza architettonica, artistica e paesaggistica.

 >Santuario di Monte Castello, Via Chiesa, 11 25080 Tignale S/Garda (BS) +39 036573020
www.santuariomontecastello.it

Isola del Garda (San Felice del Benaco)

L'isola di Garda, conosciuta anche come isola Borghese, è la più grande isola del Lago. L’Isola è situata sulla sponda bresciana del lago di Garda, a poche braccia d'acqua da San Felice del Benaco.

Oggi deve il suo fascino alla straordinaria villa in stile neogotico veneziano, progettata dall'architetto Luigi Rovelli nei primi '900; un'imponente costruzione armonica, ricca di particolari architettonici sorprendenti. Ai suoi piedi terrazze e giardini all'italiana digradano fino al lago. Tutt'intorno la vegetazione è rigogliosa e intatta, ricca di piante locali, esotiche, essenze rare e fiori unici.

Da fine marzo ad ottobre la famiglia Borghese Cavazza apre a visite guidate: un percorso che vi porterà attraverso una vegetazione intatta, giardini all'inglese, all'italiana e alcune sale dell'elegante e suggestiva villa dei primi del '900 in stile neo-gotico veneziano.

Giorno 2

Il Castello Scaligero di Sirmione

Il Castello di Sirmione, risalente all’epoca scaligera, può vantare il pregio di essere considerato uno tra i castelli d’Italia meglio conservati oltre che un raro esempio di fortificazione lacustre. Tra le sue particolarità non può certo non balzare all’occhio il fatto che si affacci direttamente sulle acque del Lago di Garda: la sua darsena ne contiene addirittura una piccola parte. Altra caratteristica non trascurabile e che lo rende estremamente suggestivo è che la rocca costituisce l’unico punto di accesso al centro storico di Sirmione. Ad aumentare il fascino fiabesco di questo castello sono le leggende tramandate negli anni, la più suggestiva e romantica è quella di Ebengardo e della sua innamorata Arice.

I visitatori possono entrare tramite il ponte levatoio ed accedere alla torre del mastio per passeggiare sui camminamenti di ronda. Il Castello fu costruito intorno al XIII secolo su preesistenze.

Orari d'apertura: Marzo - Ottobre 08.30/19.00 - Ottobre - Febbraio 08.30/17.00

Viale Guglielmo Marconi 2 25019 Sirmione, Brescia  +39 030916468

Grotte di Catullo

Le Grotte di Catullo rappresentano la testimonianza più imponente di villa romana nell’Italia settentrionale. Si tratta dei resti di un edificio risalente al periodo tra la fine del I secolo a.C e il I secolo d.C, sulla riva meridionale del Lago di Garda, a Sirmione. La prima denominazione di “grotte”, risale al XV secolo, quando alcuni cronisti trovarono questi resti di “caverne”, per gran parte crollati e ricoperti di erba. Il sito archeologico è situato all’estremità della penisola ed è raggiungibile solo a piedi, oppure con un trenino elettrico, in partenza dal piazzale davanti allo stabilimento termale di Sirmione.

Ingresso: €6,00, ridotto: €3,00 _Biglietti acquistabili fino a mezz'ora prima della chiusura

Orario invernale: da Martedì a Sabato: 8:30 - 17:30, Domenica e festivi: 8:30 - 14:00
Orario estivo: da Martedì a Sabato: 8:30 - 19:30, Domenica e festivi: 9:30 - 18:30
Chiusura: lunedì non festivo

Piazzale Orti Manara, 4 Sirmione BS, Italia
www.beniculturali.it

Non va dimenticato che a 30/40 km trovate le città di Brescia e Mantova entrambe con siti del Patrimonio Unesco

Giorno 3

Museo del Castello Scaligero (Torri del Benaco)

All’interno del museo del Castello Scaligero di Torri del Benaco, si possono visitare le sale dedicate alla pesca e alle attrezzature dei pescatori, ai calafati, gli artigiani delle barche, sale dedicate alla coltivazione e alla trasformazione delle olive, la sala degli incisori rupestri di epoca preistorica, le torri panoramiche del castello.Orario: dal 01 aprile al 15 giugno 9,30 - 12,30 e 14,30 - 18,00 - dal 16 giugno al 15 settembre 9,30 - 13,00 e 16,30 - 19,30 - dal 16 settembre al 31 ottobre 9,30 - 12,30 e 14,30 - 18,00

Viale F.lli Lavanda, 2, Torri del Benaco (VR)

+39 0456296111
www.museodelcastelloditorridelbenaco.it

Castello di Malcesine

Questo castello medievale che sorge a Malcesine, sulla sponda nord-orientale del Lago Di Garda, deve parte della sua celebrità ai disegni e alle descrizioni del poeta tedesco Goethe, contenute nel suo libro Viaggio In Italia. La sua posizione arroccata su uno sperone roccioso affacciato sul lago, lo rendono suggestivo ed è possibile ammirarne l’affascinante vista anche dalla spiaggia sottostante. All’interno dell’edificio si trova un museo dedicato a Goethe, oltre che un Museo di storia naturale e un Museo della pesca. Da alcuni anni è possibile ed è molto in voga celebrare matrimoni al suo interno.

La fondazione del Castello di Malcesine non è precisa a causa della mancanza di mappe o disegni che parlino del castello prima della conquista degli Scaligeri. Nonostante ciò alcuni documenti antichi testimoniano che fu dapprima un rifugio per coloro che coltivavano e pescavano e successivamente fortezza. La prima edificazione della rocca fu probabilmente distrutta dai Franchi nel 509 d.C. Nel 899 d.C. Berengario potenziò le mura per fronteggiare gli ungheri. Si possono vedere alcuni resti delle due cinte murarie in posizione concentrica rispetto alla rocca.

Apertura: Aprile - Ottobre aperto tutti i giorni dalle 9.30 - 19.30
Novembre /Marzo sabato, domenica e festivi 11.00 - 16.00

Adulti: Euro 6,00 -Bambini Euro 2,00 -Bambini di età inferiore a 6 anni gratuito

Via Castello 39, 37018 Malcesine (VR)

A 40 km nell’entroterra veneto incontrate  la città di Verona Patrimonio Unesco

Torna Su